Una TestimonianzaTestimonial

Una Testimonianza

"La scuola sussidiata ad Arceno" di Piero Ruffoli

Inizi degli anni sessanta, quelli che inaugurano il grande esodo dalle campagne. I contadini lasciano la terra e vanno a lavorare nelle aziende artigianali del legno, del ferro, chi e' piu' intraprendente cerca il "posto sicuro" di custode, di uomo di fatica nei vari enti statali, nelle banche. Orario di lavoro da "cristiani", una paga sicura a fine mese. Ed allora  i proprietari terrieri come cercano di arginare l'emorragia della mano d'opera perche' le aziende non vadano in crisi totale? Tanti i modi per trattenere le famiglie, innanzi tutto la revisione dei patti agrari della mezzadria piu' favorevoli a chi coltivava la terra, la luce elettrica nei casolari che ne sono privi, migliorare insomma il tenore di vita. Ma ci sono i figli da mandare a scuola. Dove? Nei paesi, nelle frazioni in cui lo Stato le ha aperte. Ed Arceno? I ragazzi che abitano nei poderi sono andati da sempre a San Gusme'. Ma non  tutti hanno frequentato la scuola ogni giorno.  Per le distanze notevoli da coprire a piedi, acqua, neve e vento che fossero. Ai genitori certo premeva la scuola, di più la salute dei figli. Lo Stato aveva affidato ai Comuni il compito di favorire le scuole sussidiate, sempre decentrate, se richieste da un gruppo di cittadini, da un'azienda agraria, da altro soggetto riconosciuto. Ercole Settembre, fattore della tenuta di Arceno, si disse pronto a mettere a disposizione i locali della scuola, a fornire la legna per riscaldarla. Il Comune doveva assicurare l'arredo (banchi, lavagna, cattedra, carte geografiche) ed "il sussidio" all'insegnante. Mi fu chiesto se volevo assumere l'incarico di maestro della scuola di Arceno. A fine anno scolastico il Comune mi avrebbe corrisposto il "sussidio". Centomila lire, insomma appena diecimila lire al mese.  Naturalmente accettai e comincio' così per me una splendida avventura lunga tutta una vita da insegnante.  Dico un'avventura perche' avevo ovviamente il diploma magistrale, ma zero esperienza se non quella "acquisita", si fa per dire, dall'ora di tirocinio alla settimana trascorsa da "auditore" in una classe delle elementari di Porta Romana.  Scuola sussidiata e soprattutto pluriclasse, cioe' alunni dalla prima alla quinta. Scuola di mattina e pomeriggio, il giovedi' libero. Organizzare il lavoro in contemporanea per i diversi gruppi all'inizio' mi terrorizzo', poi i suggerimenti dei colleghi di Castelnuovo mi indirizzarono sul metodo da seguire. Insegnai ad Arceno due anni. Il primo anno la scuola era in una casa, ora abbattuta, a sinistra della Cappella. Per i ragazzi fermarsi ad Arceno invece di continuare a camminare fino a San Gusme' fu una gioia. Morena, occhi neri, vivacissimi, prima elementare, abitava al Mulino dell'Ambra. Una salita lunga e ripida per arrivare ad Arceno, se non si fosse fermata avrebbe dovuto "scalare" anche la Ritombola. Chilometri di fatica all'andata ed al ritorno. Portava da casa il pranzo e lo consumava nelle case dei compagni.  Chi veniva dal Camparone, un podere in mezzo ai boschi aveva più o meno le stesse difficolta'. Poi c'erano i Faustini, famiglie patriarcali che abitavano nello stesso podere da generazioni. Ed allora nelle diverse classi Luciano, Vito, Anna, Dino, Lorena, la piu' grande, cugini unitissimi, educati, rispettosi. Poi Lorenzo Stendardi, Maria Teresa la figlia adottiva di Settembre, per ricordare alcuni dei quindici-sedici alunni della pluriclasse. Per mangiare? La mia mamma mi metteva nella borsa una fettina di carne che Valeria, la cuoca di fattoria, mi cucinava all'ora di pranzo avendomi prima messo in tavola, la pastasciutta o il minestrone. Nel giorno delle Ceneri del febbraio 1961, ci fu l'eclisse totale di sole. Lo commentai con i miei ragazzi, le galline che quando si fece buio credettero fosse finita la giornata ed andarono tutte "a pollaio" per poi uscirne quando il sole torno' a brillare. Il secondo anno la scuola fu spostata ad Arceno di Sopra e lì rimase anche l'anno successivo. Poi finalmente il Comune organizzò il servizio di scuolabus e tutti gli alunni allora andarono a San Gusme' dove era stata costruita la nuova scuola. Tanti ricordi personali belli, gratificanti di quei due anni, anche lo strazio indicibile quando dodici anni dopo in un caldo pomeriggio di agosto Vito e Luciano, due bambini dolcissimi, intelligenti che ho sempre nella mia mente e negli occhi, annegarono nel fontone  che si trovava a lato del viale dei cipressi che porta al Tondo.  

Contattaci

Consorzio Villa Arceno
Localita' Arceno
San Gusme'
53010 Castelnuovo Berardenga
Siena
Tel: +39 0577 359371
Invia una Email